Dettaglio Esperienze e Progetti

Progetto di formazione per UNAR

Formazione per gli operatori delle organizzazioni iscritte al registro UNAR sui fenomeni e i comportamenti legati alle diverse forme di discriminazione a Roma, Milano e Napoli

OBIETTIVI E DESCRIZIONE DEL PROGETTO


Come già avvenuto nell'annualità 2010-2011, anche nel 2015 ENAIP ha curato (su commessa delle ACLI) la formazione per gli Operatori della Pubblica Amministrazione e delle Organizzazioni iscritte al Registro UNAR istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per le Pari Opportunità (ex art. 6 del D.Lgs. 215/03).

Sono stati realizzati tre percorsi formativi, distinti per area geografica (Roma, Napoli, Milano) della durata ciascuno di 24 ore in aula, più sessioni di elearning per l'approfondimento dei contenuti. Con questa iniziativa si è voluto offire agli operatori uno spazio di analisi, studio, apprendimento, riflessione e condivisione su:
- i contesti che favoriscono i comportamenti discriminatori o molesti, con un'attenzione anche a quei comportamenti che possono contrastare l'emergere di tali fenomeni;
- metodologie e tecniche efficaci per individuare casi e gestire le segnalazioni e relativi strumenti di tutela;
- come attivare una rete di soggetti in grado di attivare interventi di prossimità e azioni di sistema a beneficio delle vittieme e dei testimoni.

Questi i contenuti affrontati nei percorsi di formazione, da parte di docenti qualificati ed esperti in materia:

  • le diverse forme di discriminazione: etnico-razziale, religiosa, della popolazione romanì, istituzionale, per età, per disabilità, nei mass media, nel web, nei social network;
  • metodi e strumenti di mediazione e negoziazione;
  • la normativa nazionale ed internazionale;
  • metodi e strumenti di comunicazione efficace;
  • la gestione dei casi di discriminazione secondo il protocollo Contact Center UNAR

A conclusione del percorso, è stato rilasciato un attestato di partecipazione.

APPROFONDISCI UNAR


L’effettività del principio di parità di trattamento è tra i principali obiettivi del processo di integrazione europea, in quanto, rappresenta la condizione necessaria per l’attuazione del principio di eguaglianza tra le persone senza distinzione di genere, di nascita, di origine, di appartenenza religiosa o politica, di età, di orientamento sessuale o identità di genere.
Nel corso di quest’ultimi anni, la legislazione europea ha ampliato ed approfondito l’area di protezione delle discriminazioni predisponendo un sistema organico di norme volte a riconoscere e tutelare il diritto alla parità di trattamento.

In tale contesto normativo, il Consiglio dell’Unione Europea, con la Direttiva 2000/43/CE, ha previsto per ogni Stato membro l’istituzione di un organismo per l’attuazione della parità di trattamento, recepita in Italia con l’emanazione del decreto legislativo 9 luglio 2003, n.215, che ha istituito, presso il Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, l’Ufficio per la promozione della parità di trattamento e la rimozione delle discriminazioni fondate sulla razza o sull’origina etnica, brevemente denominato UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, con la funzione di costituire un presidio di garanzia e di controllo delle parità di trattamento e dell’operatività degli strumenti di tutela per le discriminazioni fondate sulla razza o sull’origine etnica.

Attualmente l’Ufficio, in attuazione degli indirizzi e dei criteri stabili con Direttiva del Ministro pro tempore delegato per le Pari Opportunità, ha ampliato il suo raggio di azione garantendo la tutela contro ogni forma di discriminazione originata anche da fattori quali le convinzioni personali e religiose, l’età, la disabilità, l’orientamento sessuale e l’identità di genere ed opera in tutti i settori pubblici e privati della vita sociale, quali il lavoro, l’assistenza sanitaria, l’istruzione, l’accesso ai beni ed ai servizi, la protezione sociale.

CONTACT CENTER UNAR: S.O.S. IMMEDIATO 800.90.10.10

Per rendere rapida ed efficace la tutela contro ogni forma di discriminazione è attivo il Contact Center dell’UNAR. Raggiungibile tramite servizio telefonico e via web, fornisce informazioni, orientamento e supporto alle vittime delle discriminazioni provvedendo a raccogliere segnalazioni, denunce e testimonianze su fatti, procedure ed azioni che pregiudicano la parità di trattamento tra le persone.
Il Contact Center offre un ascolto professionalmente qualificato e, tramite attenta istruttoria svolta sotto la supervisione dell’expertise dell’Ufficio, procede, ove possibile, alla risoluzione dei casi oppure ad accompagnare il soggetto discriminato durante l’iter giurisdizionale.
Il servizio multilingue è raggiungibile dal lunedì al venerdì tramite il numero verde gratuito 800.90.10.10.
Nelle ore diurne il segnalante può parlare personalmente con gli operatori e, nelle ore notturne e nei giorni festivi, può lasciare un messaggio e un recapito nella segreteria telefonica per essere richiamato.
La segnalazione si può effettuare anche on line sul sito www.unar.it, dove chiunque sia vittima o testimone di fenomeni discriminatori può compilare, anche nella propria lingua, un apposito form che attiva immediatamente la comunicazione al Contact Center.

Se si vuole approfondire la conoscenza dell’UNAR, delle sue competenze e della cornice normativa comunitaria e nazionale di riferimento, si può visitare il sito internet www.unar.it.
La sede dell'UNAR è a Roma in Largo Chigi, 19.
Contatti di segreteria:

  • Tel. 06/67792267
  • Fax. 06/6779227
  • E-mail: unar@unar.it